martedì 2 aprile 2013

Poi la vita risponde:cronache da un mercatino artistico


Quando a settembre ho allestito con il primo mercatino artistico, proponendo in mostra le mie fotografie, ho iniziato un'avventura nuova e sono ancora largamente in fase di rodaggio.
Devo migliorare, cambiare molto: ideare nuovi prodotti, cambiarne alcuni.
I primi mercatini non sono andati molto bene, anche per concidenze logistiche sfavorevoli : ad esempio ai mercatini di Natale, mi avevano messo vicino al banchetto di una fotografa professionista e quindi non c'era proprio mercato per me!
Altre cose le ho sbagliate io: mi sono organizzata male, o non ho curato abbastanza l'allestimento.
Il percorso non é sempre facile, spesso per partecipare ai mercatini bisogna pagare per tavolo e posto, a volte non si rientra nemmeno delle spese. 
Ad alcuni sembra tutta fatica sprecata, tempo sprecato, e io mi affanno a cercare di spiegare perché voglio provarci, perseverare.
Questa domenica di Pasqua e lunedì di Pasquetta ho partecipato ad un nuovo mercatino, Flora, mostra mercato di piante e fiori, in cui uno spazio era dedicato a giovani artigiani e creativi.
Nonostante il tempo poco clemente, pioggia, vento e un'umidità feroce, il mercatino é andato molto, molto bene.
Una sorpresa, speravo andasse bene ma avevo moltissima paura di aver sbagliato di nuovo qualcosa, di aver speso energie e risorse inutilmente.
 Ho presentato alcune delle mie fotografie, gli adesivi fotografici, le nuove cartoline primaverili.
Il mio libro fotografico sull'inverno.
Un nuovo libro di cui vi parlerò presto, sempre realizzato con le mie immagini: "Storia di un ramo di melo".
 Ho allestito il banchetto con una grande radice contorta, trovata dai miei zii nel fiume, con qualche fascio di edera fresca, nodi di alberi, gnometti di lana (sempre della zia) e bocce di vetro che realizzò mio nonno Antonio in vetreria decenni fa.
 Un inno ai dettagli, come la frase che ho scelto come descrizione alla mia piccola mostra "Riscoprire la bellezza delle piccole cose".
L'aspetto più bello di questo mercatino sono state le relazioni intrecciate con chi si é fermato a chiacchierare con me: molti entusiati di questo mio approccio "minimale" alla vita, ma anche altri invece critici e dubbiosi, che mi hanno interrogata, si sono fermati a riflettere.Molti dei dubbiosi poi sono andati via con una cartolina o un libro in mano, forse più sereni o se non altro desiderosi di cercare un nuovo sguardo sulla quotidianità.
Sono felicissima di aver guadagnato un poco proponendo qualcosa che ho pensato e realizzato io, tutto con le mie mani, senza altro apporto.
Non diventrò milionaria con questa passione fotografica, e nemmeno posso al momento definirla un lavoro, ma mi ha fatto piacere stamattina poter fare una spesa un po' più ricca del solito al mercato, essere tornata a casa ieri sera con qualche moneta in più di quelle che avevo al mattino.
Sapere di aver guadagnato con le mie immagini mi riempie di soddisfazione, ne sono fiera, perché ho guadagnato facendo qualcosa che amo molto e in cui credo profondamente.
Più di tutto però, mi riempie di felicità pensare che molte, davvero molte persone, sono rimaste colpite alle mie fotografie, dalle riflessioni sulle cartoline e se ne sono andate sorridendo, complimentandosi.
Ancora di più, mi piace pensare a chi riceverà in regalo le mie cartoline e magari ne sarà rallegrato leggendo le citazioni ottimistiche che ho scelto.
C'é grande, grande bisogno di trasmettere un messaggio di speranza e io sono orgogliosa di averlo potuto fare offrendo al pubblico le mie immagini, mettendo "a servizio" la mia capacità di cogliere e fotografare minuscoli dettagli.
Ho faticato molto per realizzare questo mercatino, avevo paura che non andasse bene come gli altri passati, invece ho visto che é proprio vero " accadono cose che sono come domande. Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita risponde" (Baricco)


13 commenti:

  1. Sono proprio tanto contenta per te...
    e non a caso giorni fa avevo fatto un post sul tuo blog proprio perchè amo il tuo riportarci ad apprezzare le piccole cose
    ...lo trovi qui
    http://lalunadistefylu.blogspot.it/2013/03/belle-scoperte-blog-particolari.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le parole del tuo post!

      Elimina
  2. Sei davvero bravissima! Ammiro le tue energie , la tua forza di volontà, il tuo riuscire ad impegnarti in tante cose diverse,dall'insegnamento alla fotografia,alla cucina, alla scrittura..:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh metto sempre tanta carne al fuoco, forse troppa, ma mi diverto :-)

      Elimina
  3. Sono contenta per te, meriti questo successo!
    Sei sempre così sensibile e attenta alle piccole cose che non puoi non trasmetterle anche agli altri: la fotografia è un mezzo con cui esterni il tuo spirito, continua per questa strada... in bocca al lupo!
    A presto,
    Amalia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Amalia, sei molto incoraggiante :-) un abbraccio!

      Elimina
  4. Vedi Dani, tu hai avuto più coraggio di me e sei stata premiata!
    Io ho smesso di fare mercatini due anni fa, nonostante mi sia rimasta dentro un po' di nostalgia per le persone che ho incontrato e per l'atmosfera che ho respirato...
    Questo tuo post mi fa riflettere. Chissà che non mi ributti in pista pure io???
    Ti mando un abbraccio grande
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Francesca ributtati :-)
      Avevo molta paura, ma poi mettermi in pista é stato emozionante ed é andata bene.

      Elimina
  5. Brava! Continua così!
    Io al momento con la promozione di Sholeh Zard sono un po' in stallo: sono passata attraverso due mesi di malanni e intoppi, e non mi sembrava un momento favorevole per cercare occasioni.
    Adesso pian piano, cogliendo l'occasione della prossima uscita di Zohar, mi rimetterò in pista e cercherò di sfruttare la bella stagione (se si decide ad arrivare!)

    PS: comunque anche a me capita sempre di perdere di vista l'obiettivo commerciale e trovare molto più piacere nel conoscere e parlare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti invidio per la costanza che hai nei tuoi progetti, io sono molto più dispersiva!!Inizio mille cose ma ne finisco poche...

      Elimina
  6. che bellissime idee hai e che bello riuscire a metterle in pratica (almeno in parte). io penso sempre un sacco di cose, ma poi...
    brava! continua così :-)

    RispondiElimina
  7. Sono proprio contenta per te! Spero che i mercatini vadano sempre meglio! Te lo meriti!
    Un saluto!

    RispondiElimina
  8. Brava, sono tanto contenta per te, alla fine hai scelto con il cuore e hai fatto bene!

    RispondiElimina

Grazie per ogni tuo commento :-)