giovedì 12 dicembre 2013

Il millimetro che serve al mondo oggi


 
Negli ultimi giorni mi è capitato spesso di pensare ad un concetto che ho voglia di condividere con voi.
Sappiamo tutti che le nostre giornate possono essere faticose, che ci sono notizie spiacevoli, malumori, incertezze, manifestazioni...
Non scrivo qui perché la mia vita è tutta rosa, luccicante e serena.
Anzi, mi permetto di scrivere (quasi) solo degli aspetti positivi proprio perché gli altri, quelli più tristi e difficili, li ho ben fissi in mente.
Eppure, ci sono attorno a me, a noi, minuscole notizie belle, positive.
Sono esperienze di vita, idee, progetti che mi fanno ben sperare nel genere umano, che mi ricaricano completamente di fiducia in noi tutti.
Domenica al corso doula abbiamo condiviso i nostri racconti personali sulla nascita.
Alcuni ricordi che abbiamo sono negativi, ci sono delle ferite, dei rapporti che vanno rinegoziati o sanati. Ognuno di noi ha un peso sulle spalle e questo è emerso con molta commozione durante la nostra condivisione.
Eppure è emerso anche che ognuna di noi sta cercando di riparare quel cortocircuito, con i mezzi che ha, nel modo in cui sa e può. Continuiamo a sbagliare, a fare errori, tutte noi.
Ma rispetto alle nostre nonne, alle nostre mamme, ciò che abbiamo condiviso sono piccoli passi avanti.
Ognuna di noi sta cercando di essere migliore e lentamente questa consapevolezza si diffonde.
Chiunque di noi, anche implicitamente, anche senza ammetterlo, sta lavorando per migliorare i rapporti nella sua coppia, nella sua famiglia, con i suoi figli.
Se mi guardo attorno vedo che tutti cerchiamo solo quello e la cosa buona è che lo troviamo.             Se guardo indietro rispetto a qualche generazione fa, vedo come sono cresciute le nostre famiglie, come hanno agito con amore le nostre mamme per noi, a come il bene è aumentato, magari impercettibilmente, ma è aumentato. Magari vorremmo cambiare tutto, rivoluzionare i nostri rapporti, ma non possiamo, non sappiamo. L'importante è fare quel piccolo passo che possiamo e sperare che chi verrà dopo di noi ne farà un altro, piccolo, e così via via si procede, pur in mezzo agli errori.

 Questo procedere a piccoli passi lo vedo ogni giorno, quando in mezzo a tutte le notizie negative trovo quella singola notizia bella, il gesto di quella persona che è un gesto quasi insignificante ma che mi testimonia che si, anche oggi, il mondo sta procedendo avanti di quel millimetro necessario.
Oggi ho trovato questo video, di un progetto artistico/fotografico per donne ammalate di cancro . Questo progetto vuole aiutarle a sentirsi libere, belle, di nuovo, fosse anche per un solo secondo.
Una ventina di donne, cosa volete che sia?
....è una notizia di scarsa importanza! E invece no, è quel millimetro di cui il mondo aveva bisogno oggi, per andare avanti.
Oggi ho trovato anche questo video di un uomo, marito di una donna ammalata, che per far ridere lei e le sue amiche si è messo un tutù rosa e si è fatto fotografare in giro per gli Stati Uniti. Fa veramente ridere, è ridicolo....è il millimetro in più, un altro.
Ieri mattina, tornata a casa dopo una lezione di chimica difficile e complicata, ho trovato nella posta un biglietto carinissimo, un ornamento di Natale, due bustine di spezie per il vin brulè, speditemi da un'amica che non ho ancora avuto il piacere di incontrare di persona (tu sai chi sei!)
E ho pensato, ma di cosa mi preoccupo? Non ho ancora imparato a fidarmi abbastanza!
Se al mondo esistono ancora sconosciuti che ti inviano un biglietto d'auguri a sorpresa, tutto va bene, ci sono abbastanza millimetri di speranza davanti. Non abbiamo bisogno di tanto, solo di un millimetro alla volta. E vi assicuro che c'è ogni giorno.
Io oggi magari non so, non posso fare nulla, ma so che attorno a me ci sono sempre persone nascoste che portano avanti il millimetro di bene del mondo.
E allora sorrido.
Che millimetri di fiducia avete voglia di condividere nei commenti?
Do cosa vi siete "nutriti" in questi ultimi giorni?




 

18 commenti:

  1. mi sono commossa, ti ho letta col cuore che batteva forte. oggi sembra essere il giorno delle emozioni che arrivano da voi, dalle mie amiche blogger, da voi sconosciute conosciutissime. avevo appena letto il meraviglioso post di Chandana che hai citato, poi sono capitata qui e… quanta forze che date, voi, con le vostre parole… oggi io mi nutro di voi. grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te :-) la commozione è reciproca...

      Elimina
  2. Che meraviglia questo post!Mi sono accorta di essere stata citata solo leggendo il commento scritto da Ylenia perchè di solito leggo i tuoi post due volte,la prima di getto e la seconda per spulciare i link.Grazie di Cuore e entrambe!La vostra amicizia non è per niente virtuale,è reale e riscalda il mio cuore.Mi fa crescere,star bene.Grazie a te Daniela (adesso so come chiamare quegli incontri e quei gesti magici...fanno parte del millimetro in più...) e grazie anche ad Ylenia!Bi abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ricambio l'abbraccio e sento forte l'amicizia tua e di Ylenia :-)

      Elimina
  3. E' un posto bellissimo e carico di speranza! voglio imparare a trovare anch'io i millimetri! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna cercare bene ma i millimetri ci sono, a volte sono proprio minuscoli ma...ci sono!!

      Elimina
  4. Grazie (sono commossa...).
    Condivido questo percorso con voi!

    Oggi ho incontrato una persona con la quale avevo avuto un diverbio (virtuale). Aveva bisogno di una cosa, io l'avevo e ci siamo incontrate. La sua gratitudine mi ha fatto capire che posso andare oltre certi preconcetti e che se si ha voglia di cercare, il bene si trova.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per aver condiviso con noi questo tuo momento di pacificazione :-)

      Elimina
  5. Quest'anno ho deciso anch'io di fare qualche sorpresa e spero solo arrivi perchè non avevo soldi per fare raccomandate.Poi stanotte una sopresa l'ho avuta io e ho deciso di andare avanti un millimetro accettandola.
    Bello leggerti emozionata, sopresa, bello vedere la tua parete... una cosa che volevo copiarti l'anno scorso e che questo natale farò senz'altro perchè lo trovo l'unico modo per addobbare questo nuvo spazio in cui siamo provvisoriamente ma dove spazio non ce n'è per dare il benvenuto a modo mio al Natale.
    Grazie delle emozioni che ci trasferisci, delle riflessioni che ci regali, della tua positività... di tutto.

    RispondiElimina
  6. Bellissimo post Danielina.
    Il mio nutrimento in questi giorni sono i sorrisi di mio marito. Come sai è malato da anni, ma ogni giorno percorre un piccolo, piccolissimo passo verso lo stare meglio. Millimetri, si... proprio millimetri. Ma come dici tu, sempre meglio, magari impercettibilmente ma meglio. Sorride più spesso, me ne sono resa conto e il suo sorriso è ogni giorno di un millimetro più ampio.
    Ti abbraccio forte
    Francesca

    RispondiElimina
  7. In questi giorni mi sono nutrita di parole, parole di conferma sul lavoro, parole di affetto tra amiche, parole di stima tra compagne di viaggio al mattino. Sembra poco ma sono stati questi i millimetri verso una mia nuova fiducia nel genere umano.
    Ti abbraccio,
    Verdiana

    RispondiElimina
  8. Il video che mi hai postato è stato il mio millimetro, ieri (è piaciuto tanto, sai?); il tuo post, che ho visto solo adesso, quello di oggi ♥

    RispondiElimina
  9. E' proprio quello che sto provando adesso... passo dopo passo, giorno dopo giorno.
    Grazie :)

    RispondiElimina
  10. Dani che meraviglia questo post, quanto calore emana...
    Io ho iniziato a fare una collezione di cartoline/bigliettini di Natale, mi sono innamorata delle tue.
    Ti mando un forte abbraccio

    RispondiElimina
  11. In questi giorni mi sono nutrita di coccole, di regali che ho fatto per gli altri e qualcuno anche per me, di creatività, del tepore dentro casa, di letture di ogni genere, di gratitudine, di tè al creme brulè del Canada. In questi ultimi mesi millimetro dopo millimetro mi sono accorta che ho fato parecchie cose, e anche se ci sono state altre cose che avrei dovuto fare o fare meglio, penso che la mia vita si sia riempita di esperienze e amicizie, di amore a 360 gradi.
    Il mio millimetro in più è stato riconsiderare la mia empatia e metterla di più in pratica.

    RispondiElimina
  12. Grazie per le vostre condivisioni :-) :-) vi abbraccio!!

    RispondiElimina
  13. Il mio millimetro è continuare ad essere altruista anche quando sembra inutile..... poi passano i mesi e tutto quello che hai seminato di positivo torna in forma che neanche ti aspetti e allora la sorpresa è ancora più bella :)

    RispondiElimina

Grazie per ogni tuo commento :-)