martedì 4 maggio 2010

Un weekend

Anche questo weekend ha portato molto di bene, ne sono contenta, ultimamente sto passando dei fine settimana molto belli ed arricchenti, anche questo ha portato molto più di quanto avessi sperato.Venerdì sera io e Simo siamo usciti con la mia amica S. ed il suo fidanzato, io e lei ci eravmo conosciute in Brasile dove avevamo condiviso l'esperienza in favela nella stessa casa.Sabato mattina invece ho fatto una lunga passeggiata in campagna, da sola, un momento di pace prezioso.Al pomeriggio ho poi deciso di andare a vedere un incontro con dei monaci tibetani di tradizione Gelug-Pa,che nei giorni precedenti avevano costruito un mandala.
Dopo alcune meditazioni e canti, i monaci hanno distrutto il mandala,spazzando via la sabbia di cui era composto,per ricordare la caducità delle cose.La sabbia mischiata é stata poi distibuita a cucchiaini a chiunque la desiderasse, c'erano molte persone e molti bambini nella stanza, scambiarsi la sabbia nei piccoli sacchetti é stato bello, un gesto di condivisione.

Dopo di chè i monaci in corteo sono andati fino al fiume Grana,la gente li seguiva in corteo con ei bastoncini di incenso accesi.Dopo altri mantra pronunciati ad alta voce,il monaco più giovane ha gettato la sabbia rimasta del mandala nel fiume,per celebrare la fine ma anche la rinascita della vita.
Sarà solo suggestione, ma dopo questo rito e questo pomeriggio trascorso con loro, ero veramente in pace, nella stanza del mandala c'era una grande serenità,luci soffuse,incenso,i davanzali erano stati arredati con cura con piccole immagini,statuette buddhiste,candele,fiori.
Le bandierine di preghiera sventolavano nel cortile in mezzo alle vecchie case del centro storico piemontese, un bel connubio di storie e colori diversi,tanta gente magari capitata lì un po' per caso come me.
Non ho potuto non portarmi a casa un piccolo segno di questo pomeriggio,un bracciale buddhista.Mi piace tanto questa foto di me con il mio solito abbigliamento a strati (sandali+calze+jeans+vestito di lino) eh eh :-)
Di sera, un pic nic con Simone in mezzo agli alberi,il sole tramontava pian piano e creava questi scorci di luce che ho cercato di catturare,sembrava un bosco fatato, nel cuore della città.Dopo cena, un film divertente e originale sul tema della Shoa, Simon Konianski, che abbiamo visto nel nostro cinema preferito.Un viaggio in macchina attraverso l'europa, per il protagonista l'opportunità di riscoprire le sue radici ebraiche, con gag di puro umorismo yiddish.Avevo visto la recensione su una rivista ma non pensavo che l'avrebbero proiettato qui, perché é un film "piccolo", appena ho visto che era in programmazione ci siamo andati. Invece domenica io e Simo siamo stati insieme tutto il giorno:prima un pranzo con i suoi parenti tornati da Shanghai dove lavorano, poi abbiamo lavorato un po' su delle foto che volevamo modificare, un sonnellino e poi..via ad esplorare con Obelix un posto nuovo!
Un parco vicino Cuneo, dall'atmosfera bellissima,pieno di bambini, di cani, di bancarelle e mercatini.L'aria era fresca, alberi e prati verdi, noi due in giro con Obelix a fare foto, un pomeriggio bellissimo e ricco di armonia.
In questo stand di farine biologiche abbiamo comprato cereali e lievito...

Adoro poter metter i sandali!!
Tra le varie bancarelle, erano in vendita formaggi, marmellate biologiche, piantine, conchiglie e gusci di lumaca come questi..
Anche se é in Cuneo non ero mai stata prima in questa villa nè nel suo parco, é stata una bella scoperta e ci siamo divertiti a fare foto, chiacchierare, parlare con i vari venditori.
Cosa mi ha insegnato questo weekend?
Che devo sapermi aspettare sempre il meglio...e soprattutto che nonostante temporanee difficoltà,io e Simo ci riprendiamo sempre e siamo più forti e più uniti che mai.Cadiamo tante volte,ma siamo sempre insieme a rialzarci ogni volta, senza mollare.
E voi cosa avete imparato questo weekend?

21 commenti:

  1. I tuoi racconti sono sempre così pregni di emozioni delicate, ormai il tuo blog è diventato per me un punto fisso!!!
    Noi abbiamo trascorso il fine settimana organizzando la nostra luna di miele! Non vediamo l'ora di partire!
    Una cosa che ho imparato? Che non è facile mantenere alcune amicizie: ci vuole moltissima cura e a volte anche "tempismo" nel ritrovarsi, nell'esserci nei momenti significativi.

    Un caro saluto e... alla prossima!

    PS: con Marti si diceva che sarebbe bello organizzare un incontro!

    RispondiElimina
  2. @ mugs:si certamente,tu e marti siete entrambe di genova,non é così difficile trovarsi!qaundo tornate dalla luna di miele organizziamo..se riusciamo mi paicerebbe venire una domenica a genova con simone!

    RispondiElimina
  3. Che belli i tuoi post! Ti leggo sempre con piacere!
    Questa volta poi mi toccano sul vivo visto che sono buddhista di scuola tibetana... Anche io li avevo visto a Cn (oltre che in un milione di altri posti), precisamente a Borgo S. Dalmazzo ed era stato, come sempre, molto toccante...
    Sei molto carina con il tuo piccolo Mala...
    Ciao!

    RispondiElimina
  4. :D che bel week nd! anche il mio e' stto pieno, era uno deei rari week end snza scout!
    cosa o imparato? uhm dunque... o imparato a fare, a non disperare perche' anche nel semplice si trova il bello( ance detto: le cose organizzate all'ultimo momento senza sbattoni si rivelao sorprendenti). e a non acoltare ci vuole far shopping a milano ni giorni di pioggia(pomeriggio infrnale ehehehe!)
    sara

    RispondiElimina
  5. Che meraviglioso fine settimana! E quante.. quante.. ma quante meravigliose cose avete fatto!
    L'esperienza con i monaci tibetani mi ha fatto tornare indietro a quell'unico grande viaggio che feci da sola un pò di tempo fa nel Ladack... è stato dolce ritornare a pensarlo!
    E avanti così... te e Simo, insieme, mano nella mano... :-)

    RispondiElimina
  6. @ mamma F:volevo chiderti un aiuto,come si usa il Mala?cioè io ora l ho usato come bracciale ma credo si usi abbinato a dei mantra da "recitare" no?come posso fare per inziare?grazie! :-)

    RispondiElimina
  7. bellissimo post, questo e quello precedente...

    RispondiElimina
  8. Ciao Daniela, per la prima volta vengo a farti visita e mi trovo bene col tuo modo di scrivere e, naturalmente, di essere. Piacere Anna! Ti seguo cosi' avro' modo di conoscerti meglio.

    RispondiElimina
  9. @Daniela: il mala non è un bracciale ma uno strumento di preghiera (è un po' come se indossassi un rosario come "collana"...). Puo' essere composto da 108 o da 27 grani e si sgrana recitando (di solito, ma non è l'unico) l'OM MANI PADME HUM (in tibetano sarebbe meglio dire OM MANI PEME HUNG); per il significato ti rimando qui (http://www.alberosacro.org/ommanipadmehung.htm) non volendo farti una noiosa lezione sul buddhismo. Per qualsiasi chiarimento esiste l'UBI (Unione Buddhista Italiana) che raccoglie tutte le varie scuole di buddhismo praticate in Italia (che possano definirsi a pieno titolo buddhiste intendo).
    In ultimo, visto che l'unica festa che si festeggia qui in Italia per noi buddhisti cade tra poco, ti auguro buon Vesak!
    PS. se ti piace il Tibet con le sue leggende e le sue filosofie, leggiti i viaggi di Alexandra Davide-Neèl, la prima donna che ad inizio '900 entro a piedi DA SOLA in Tibet!
    Ciao!

    RispondiElimina
  10. I tuoi weekend sono sempre ricchi e interessanti. E il corso di fotografia dà i suoi frutti: le tuoe foto sono sempre più belle!

    RispondiElimina
  11. Ciao Daniela! Non vorrei rovinare l'armonia di tutti questi commenti.. ma dopo il post di qualche tempo fa in cui ci chiedevi un consiglio sull'equilibrio amore-amicizie (di lui).. mi sembra che tu davvero non gli lasci tempo di coltivare le sue amicizie! Secondo me sei un po' troppo "io e lui da soli", se mi permetti. Scusa l'intromissione, a presto! Giuliana.

    RispondiElimina
  12. @ giuliana:simone ha passato tutta la giornata del sabato con i suoi amici in montagna e noi ci siamo visti solo di sera.direi che come compromesso può andare no? :-)

    RispondiElimina
  13. Ok! :) Giuliana.

    RispondiElimina
  14. Mi piacciono moltissimo i mandala buddisti. Trascorrere tanto tempo per crearli, investire pazienza e concentrazione ... poi sul più bello, quando è completato, nel massimo del suo splendore, si "distrugge" tutto. La trovo una grande lezione di vita, e ovviamente un'ottima via per la ricerca interiore.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  15. Ma che meraviglia! La prossima volta che hai notizie di belle iniziative delle tue parti organizziamo un Cohen Weekend.

    RispondiElimina
  16. Abbasso subito il tono: ho imparato che mio figlio sa fare anche la cacca nel vasino ;-P
    E che il tè affumicato è un ottimo sostituto di scamorze e pancette: devo postare la ricetta, ma prima provo a perfezionarla.

    RispondiElimina
  17. Bel modo di passare il tempo, mi hai fatto tornare indietro di "qualche" anno con il rito della "distruzione" del mandala.
    Quel tuo "...cadiamo tante volte,ma siamo sempre insieme a rialzarci ogni volta, senza mollare" potrebbe essere una perfetta "cornice" per un mandala ....

    RispondiElimina
  18. carissima daniela, puoi invirmi la tu email? dove la posso trovare?

    grazie mille!!! il tuo weekend mette pace e serenità!!! un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Sempre belli questi tuoi weekend intensi, pieni ma non frenetici. A proposito di monaci, ultimamente ho scoperto la possibilità della "cena tibetana a domicilio" e mi piacerebbe tantissimo provare a organizzarne una: http://blog.thaisoriente.com/landing/cena-tibetana-a-domicilio/
    Mi sa che mi informerò presto sui costi (solita nota dolente...) e le modalità, perché mi incuriosisce molto. Peccato non abitare vicine altrimenti potevamo organizzare insieme! :)

    RispondiElimina
  20. Sono inciampata per caso sul tuo blog e le tue immagini mi hanno suscitato una piacevole sensazione.
    Grazie.

    M.

    RispondiElimina

Grazie per ogni tuo commento :-)